Maniglia al mobiletto

PROBLEMA: G. per alzarsi dalla doccia e mantenersi in piedi per asciugarsi aveva bisogno di una maniglia ma per la disposizione del mobilio non c’era spazio per fissarla.

SOLUZIONE: Il marito ha fissato al muro il mobile vicino alla doccia. Poi ha fissato allo sportello una maniglia e un chiavistello per evitare che durante l’appoggio si possa aprire lo sportello. Non è una soluzione convenzionale ma nel complesso è stabile.

Maniglia per telefono

PROBLEMA: A. fatica a tenere in mano il telefono cordless di casa durante le telefonate a causa di un deficit della presa e dell’elevazione della spalla

SOLUZIONE: Il fratello attacca una maniglia da porta al retro del telefono e questa modifica permette ad A. di accostare molto più facilmente il telefono all’orecchio e mantenerlo in posizione per tutta la telefonata.

Comodino rotante

PROBLEMA: P. per spostarsi tra letto e carozzina ha installato un sollevapersone a bandiera in camera. La colonna ora è al posto del comodino e P. ha bisogno di appoggiare medicine, occhiali, acqua.. vicino al letto.

SOLUZIONE: Il marito ha creato un piccolo tavolino rotante ancorato alla colonna del sollevapersone che permette a P. di gestire un appoggio e di spostarlo quando non serve.

Mezzo gradino

PROBLEMA: M. si muove a piccoli passi. E’ in grado di camminare usando appoggi ambientali ed anche di compiere le scale. Alla fine delle scale c’è un gradino ulteriore per accedere al piano terra della casa. Non c’è un buon appoggio al corrimano e il gradino viene eseguito con difficoltà.

SOLUZIONE: Con alcune piastrelle impilate è stato creato un gradino intermedio su cui M. può arrivare più facilmente e da li scendere (o salire) agevolmente. La soluzione è ben gestita dai care-giver in termini di supervisione.

Stabilizzatore WC modificato

PROBLEMA: Non è agevole l’attività di igiene intima da parte dell’assistente che non riesce ad entrare con la mano all’interno del WC a causa della presenza dell’asse e di cosce molto voluminose

SOLUZIONE: Viene tagliata la parte anteriore dell’asse della tazza e aggiunti 2 supporti di legno per rendere stabile la soluzione che ora permette l’ingresso frontale delle mani e un’igiene intima più semplice

Jpeg

Ausilio proposto dall’associazione Datarc

Sistema luce LED indossabile per favorire la comunicazione delle persone disabili con problemi di linguaggio, attraverso l’utilizzo di tavole con simboli

datarc.1jpg

 

datarc

 

datarc2

Ausilio proposto da Christian Mura

L’ausilio proposto è una modifica derivante dalla “classica” sacca per urina.
Lo scopo è realizzare un sistema DI EMERGENZA, portatile ed economico, utile ad esempio quando siamo fuori casa ( viaggio, lavoro, sport,…), e “ci siamo dimenticati /abbiamo finito / non siamo in grado di procurarci in tempi brevi ” una sacca per le urine.
In questo caso, con l’ausilio a disposizione, dobbiamo solo procurarci una bottiglia d’acqua o bibita ( es. da bar, negozi o distributori automatici ).
Infatti, cosa hanno in comune la maggioranza delle bottiglie in plastica? Un tappo con una vite a passo “standard” e perciò fra loro intercambiabile. Una volta utilizzata la bottiglia ( con l’urina all’interno ) può essere chiusa con il suo tappo e trasportata in maniera sicura in attesa dello smaltimento.

 

foto ausilio Christian Mura 1

 

foto ausilio Christian Mura 3

 

foto ausilio Christian Mura 4

 

foto ausilio Christian Mura 5

 

foto ausillio Christian Mura 2

Ausilio proposto da Crescenzo Tuccillo

Avendo una tetraplegia ho ideato questo ausilio per eseguire il clistere in autonomia, sotto c’e’ una stecca in alluminio, sopra un tubo di rame con all’interno un catetere speedicath da 18 e collegato lo schizzettone.

Crescenzo Tuccillo2_ausilio per clistere in automia

Crescenzo Tuccillo3 ausilio per clistere in autonomia

Crescenzo Tuccillo_ausilio per clistere in automia

Ausilio proposto da Giovanni Ortuso

Problema: Difficolta’ ad agganciare e sganciare la cintura di sicurezza in auto da parte di una persona con tetraparesi spatica e scarsa forza agli arti superiori.

Soluzione: Costruzione di un supporto con impugnatura in plexiglass e pinza all’estremita’

Per l’aggancio pinzare il gancio della cintura di sicurezza, impugnare l’ausilio, posizionare il gancio della cintura e spingere verso il basso fino allo scatto

Per lo sgancio impugnare l’ausilio dalla parte opposta, posizionare l’estremita’ sul pulsante di sgancio della cintura e spingere verso il basso fino allo scatto.

 

foto ausilio Giovanni Ortuso (3)