Sfoglia libro

Propone l’ausilio Sara Censoni

PROBLEMA: Dipendenza da altri (adulti) nel girare le pagine dei libri per difficoltà nella manipolazione.

SOLUZIONE:  Apposizione di mollette da bucato ad ogni pagina.  Quelle utilizzate nel caso specifico presentano un’asola nella quale il bambino può semplicemente inserire un dito, ottenendo così il sollevamento della pagina.

RISULTATO:  Autonomia completa nell’attività di gioco.

Sara Censoni2_sfoglia libro

Sara Censoni_sfoglia libro

Penna adattata

Nome e Cognome di chi ha realizzato l’ausilio: Sara Censoni

PROBLEMA:  Impugnatura penna difficoltosa, per deficit pinza superiore pollice-indice.

SOLUZIONE: Aumento volume della penna, ottenuto inserendola in un tappo di sughero. Si realizza praticando -in un tappo di sughero da spumante- un foro con il trapano (punta misura n°8) lungo l’asse longitudinale, da parte a parte.

RISULTATO: Presa ed utilizzo della penna facilitata, con conseguente miglioramento della confidenza con la scrittura.

Sara Censoni2 penna adattata

 

Sara Censoni penna adattata

Aspiratore per saliva portatile

Propone l’ausilio Stefano Dal Palu’

PROBLEMA:  Persone affette da scialorrea (perdita di saliva)

SOLUZIONE: 

  1. Aspiratore per creare il vuoto nei sacchetti alimentari ad uso domestico a batterie
  2. Raccoglitore di saliva utilizzando un barattolo ad uso alimentare con tappo avvitabile a tenuta
  3. Raccordi per tubi utilizzando la parte centrale degli spruzzatori per irrigazione
  4. Tubo di raccordo utilizzando sondino di aspirazione
  5. Terminale per aspirazione saliva ad uso dentistico
  6. Puntale di posizionamento terminale ricavato dalla protezione del beccuccio di aspirazione degli schizzettoni da 100 ml

L’assemblaggio dei componenti consente di ottenere un aspiratore dal peso inferiore a 500 gr. (pile comprese) facilmente trasportabile in una borsa a tracollaaspiratore in utilizzo

 

 

aspiratore pronto all'uso

componente 1

 

componente 2

Tagliere per chi usa una sola mano

PROBLEMA: Una signora emiplegica, casalinga, con famiglia e figli piccoli, ha necessità e desiderio di  riprendere le attività di cucina ma tagliare e sbucciare frutta e verdura costituisce un problema. Il tagliere apposito esistente in commercio è per lei troppo costoso dal punto di vista economico (mediamente 100 euro).

SOLUZIONE:  Perciò si decide di costruirne uno in modo artigianale. Si sceglie tutto materiale per uso alimentare: spiedini da griglia per infilzare i cibi ed un tagliere in materiale plastico (costo totale 7 euro al supermercato). Con un avvitatore si fora il tagliere, si tagliano gli spiedini nella misura voluta e si infilano nei fori bloccandoli con del nastro isolante avvolto in modo da ingrossarne lo spessore. Nella parte inferiore del tagliere si fissano alcuni pezzi di schiuma con la duplice funzione di bloccare ulteriormente gli spiedini ed evitare lo scivolamento del tagliere sul piano di lavoro. L’ausilio è pronto, l’unica avvertenza è non lavarlo nella lavastoviglie.

 

tagliere

 

tagliere1

Archetto solleva coperte

9° classificato al concorso “Creiamo lo strumento per condividere gli strumenti”

PROBLEMA:  Intolleranza al peso delle coperte sui piedi per patologia osteo-articolare alla caviglia.

SOLUZIONE:  Archetto tendi-coperte.  Si realizza posizionando ai piedi del letto una cassa da frutta posta in verticale e ancorata, nella sua parte inferiore, con spago/lacci alla rete, sotto al materasso.

WP_20150322_10_29_17_Pro

WP_20150322_10_24_20_Pro

 

Mollette per girare le pagine di un libro

4° classificato al concorso “Creiamo lo strumento per condividere gli strumenti”

PROBLEMA:  Dipendenza da altri (adulti) nel girare le pagine dei libri per difficoltà nella manipolazione.

SOLUZIONE:  Apposizione di mollette da bucato ad ogni pagina.  Quelle utilizzate nel caso specifico presentano un’asola nella quale il bambino può semplicemente inserire un dito ottenendo così il sollevamento della pagina.

WP_20150322_10_21_05_Pro

WP_20150322_10_18_48_Pro

Impugnatura penna con un tappo di sughero

3° classificato al concorso “Creiamo lo strumento per condividere gli strumenti”

PROBLEMA:  Impugnatura penna difficoltosa, per deficit pinza superiore pollice-indice.

SOLUZIONE:  Aumento volume della penna, ottenuto inserendola in un tappo di sughero.  Si realizza praticando, in un tappo di sughero da spumante, un foro con il trapano (punta misura n°8) lungo l’asse longitudinale, da parte a parte. Ne risultano una presa ed utilizzo della penna facilitata, con conseguente miglioramento della confidenza con la scrittura.

WP_20150322_10_14_10_Pro

WP_20150322_10_09_41_Pro

Bracciolo sagomato e rialzato per carrozzina

13° classificato al concorso “Creiamo lo strumento per condividere gli strumenti”

PROBLEMA: Usando cuscini alti può capitare che non si arrivi più ad appoggiare le braccia sul bracciolo della carrozzina

SOLUZIONE: Ho costruito un bracciolo morbido, sagomato e contenitivo da posizionare su quello della carrozzina. Qquesto bracciolo risolve il problema dell’altezza ed inoltre trattiene le braccia dai movimenti involontari.I braccioli si possono rimuovere, inserire e posizionare a scorrimento.

cus1

cus2

Asta per usare telefonino con i denti

14° classificato al concorso “Creiamo lo strumento per condividere gli strumenti”

PROBLEMA: Impossibilità ad usare lo smartphone sulla carrozzina

SOLUZIONE: Costruzione di un’asta che possa essere comandata con la bocca e che possa manovrare lo smartphone mentre si è in carrozzina.

Per le specifiche di confezionamento http://ausilio.altervista.org/asta.html

anc5

anc4

anc3

anc2

anc1

 

Ancoraggio tra letto e carrozzina

10° classificato al concorso “Creiamo lo strumento per condividere gli strumenti”

PROBLEMA: Sono una fisioterapista, lavoro in un Ospedale che si occupa di neuroriabilitazione con pazienti adulti. Nei trasferimenti tra letto e carrozzina da parte di persone con lesione midollare, frequentemente la carrozzina, malgrado la frenatura, si allarga rispetto al letto creando un pericoloso “vuoto” che non rende sicuro nemmeno l’utilizzo della classica assetta.

SOLUZIONE: Costruendo e posizionando un gancio la carrozzina non si sposta più, consentendo trasferimenti sicuri ed in totale autonomia non serve più la presenza di una persona che tiene la carrozzina perché “non si sa mai…!”

imm5

imm4

imm3

imm2

imm1